ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO
RAFFAELEPIRIA - FERRARIS/DA EMPOLI
CF: 92104720807 - PEO: rctd120008@istruzione.it - PEC: rctd120008@pec.istruzione.it
Menu

L’impegno civile di Michele Caccamo

“Il tempo che stiamo vivendo non è altro che un’abitudine, una morte ereditata. Le case sono troppo vicine, hanno le sembianze di una stazione. Ci possiamo tenere tutti quanti d’occhio: quando stiamo seduti al tavolo, quando siamo allo specchio”.

Oggi 24 ottobre 2023, presso la Sala Riunioni dell’Istituto “Piria Ferraris–Da Empoli” di Reggio Calabria, Michele Caccamo ha incontrato gli studenti per presentare il suo ultimo libro dal titolo “L’alfabeto inutile”. Ha introdotto la manifestazione il dott. Filippo Quartuccio, consigliere metropolitano con delega alla cultura. Ha partecipato la Dirigente dell’Istituto, Avv. Anna Rita Galletta, il Dott. Giuseppe Bova, Presidente dell’Associazione culturale Rhegium Julii, la prof.ssa Mariantonella Sciarrone, docente.

Pubblicato a fine ottobre 2023, “L’alfabeto inutile” è un monologo in 33 capitoli, preceduti da un prologo e seguiti da un epilogo. L’opera pone all’attenzione del lettore, dei giovani e dei genitori una problematica diffusa, negli ultimi decenni, in modo preoccupante, anche nel nostro Paese: la sindrome hikikomori. L’autore, con la profondità e la sensibilità dell’artista, ha saputo superare i contorni del disagio, spesso confinato nelle solitudini della società “evoluta”, e ne ha ricercato le cause, senza mistificazioni e autoinganni. E’ un “poeta civile, Michele Caccamo, interessato al destino degli ultimi, dei poveri, dei condannati”, e lo dimostra una volta di più in quest’opera con la quale   invita tutti a guardare oltre la realtà delle cose e del mondo, invita i giovani a correggere gli errori dei padri e a ricercare dentro e fuori di sé la presenza di una spiritualità autentica. Nel corso della manifestazione, gli alunni si sono messi alla prova nell’interpretazione di brani tratti dal testo, accompagnandosi con musica dal vivo ed hanno avviato con l’autore un proficuo dibattito.

Prof.ssa Mariantonella Sciarrone

Related posts